Lotta alla contraffazione, il nostro modo di proteggere marchi e clienti

Lotta alla contraffazione, il nostro modo di proteggere marchi e clienti

La contraffazione è un’attività illegale che mette in difficoltà marchi e aziende e può causare anche gravi danni alla salute dei consumatori che acquistano prodotti scadenti e privi di garanzia.

Share/Save

Luxottica è alla costante ricerca di nuove soluzioni per rendere più efficace la lotta alla contraffazione ed è continuamente impegnata in attività di contrasto al fenomeno del cosiddetto mercato parallelo – cioè alla vendita di occhiali del Gruppo su canali non autorizzati – operando a livello globale grazie a team dedicati presenti, oltre che in Italia, anche negli Stati Uniti e in Cina.

In questo contesto, le possibilità offerte dalla tecnologia rappresentano un aiuto decisivo. Lo dimostra il programma G.L.O.W. (Guaranteed Luxottica Origin Worldwide), un innovativo sistema di tracciabilità basato sull’impiego di sensori RFID all’interno delle montature che dalle fabbriche del Gruppo vengono spediti nei negozi in tutto il mondo.

Questi sensori sono sicuri per la salute dei consumatori – dato che non emettono segnali radio – e non registrano dati personali. Ridotti a dimensioni microscopiche non impattano sul design del prodotto, ma contengono le informazioni essenziali per identificare ogni paio di occhiali, dalla sede di produzione alla destinazione di vendita, permettendo così a Luxottica di intensificare i controlli lungo tutta la filiera e regolarizzare i canali di vendita che offrono prodotti provenienti dal mercato parallelo o contraffatti.

Avviato nel 2015, il programma è in costante espansione. Grazie all’adozione di nuove soluzioni tecnologiche, ad oggi circa l’80% dei modelli Ray-Ban e Oakley sono equipaggiati con il sistema RFID e nel 2019 la copertura sarà progressivamente aumentata.

L’azienda tutela la sua proprietà intellettuale sorvegliando sia i canali online che quelli offline, attraverso controlli sistematici e sequestri doganali di merce contraffatta in tutto il mondo (fondamentale su questo fronte la collaborazione con le autorità locali) e monitorando siti web, marketplace online, social media e applicazioni mobile. Quotidianamente centinaia di offerte di prodotti contraffatti vengono controllate, analizzate e rimosse.

Risale al luglio scorso la chiusura di 5.000 domini legati alla commercializzazione o alla promozione di prodotti Ray-Ban e Oakley falsi o di provenienza illecita, ottenuta dopo l’emissione di un’ordinanza da parte del Tribunale Federale dell’Illinois, negli Stati Uniti. La sentenza ha segnato un importante passo avanti nella lotta serrata alla contraffazione. Dal 2016 le iniziative a tutela dei prodotti Luxottica hanno portato alla chiusura di oltre 120.000 domini e siti web fraudolenti.

Pubblicato il 07 Mar 2019