Riccardo Donadon “per fare impresa ci vuole un po’ di incoscienza: bisogna correre, buttarsi nei progetti e credere di riuscire a realizzarli con facilità”

Riccardo Donadon “per fare impresa ci vuole un po’ di incoscienza: bisogna correre, buttarsi nei progetti e credere di riuscire a realizzarli con facilità”

“Ho creato H-Farm per restituire ai giovani di talento parte della fortuna che ho avuto, aiutandoli a cogliere le opportunità in un momento storico di grandi trasformazioni nel mercato, soprattutto nell’ambito delle tecnologie”.

Share/Save

Riccardo Donadon è fondatore e CEO di H-Farm, incubatore italiano con sede a Roncade (Treviso), Seattle, Londra e Bombay. Sostiene progetti imprenditoriali con una matrice in comune, l’alto tasso di innovazione tecnologica, fornendo le risorse finanziarie e il know-how necessario per la fase di start-up. In questo video ci racconta la sua visione dell’imprenditore “che lavora con persone di talento per far nascere progetti importanti”, stimolando i giovani a credere nelle proprie forze e capacità, a mettersi in gioco per realizzare idee innovative.

Con velocità - fondamentale per restare al passo con il rapido sviluppo delle tecnologie - e semplicità, per farsi comprendere da tutti. Luxottica lo ha intervistato nell’ambito di un ciclo di incontri con personaggi di spicco del mondo della cultura, della scienza e manager. Invitati a condividere le caratteristiche dell’azienda per offrire ai Luxotticans nuovi punti di vista e opportunità di allargare i propri orizzonti.

Pubblicato il 19 Ago 2014